Leggi in Italiano Read in English
Il blog più alto del mondo. Questo è stato il record da tentare. Aggiornare direttamente un blog da una montagna di ottomila metri. Testi, foto, video, creati e pubblicati da quota 5.700 in sù, fino a tentare il fatidico '"Hello World" dagli 8.201 metri della cima del Cho Oyu, la "Dea Turchese", sesta montagna del pianeta terra, lassù in Tibet.

Ma il record in fondo è stato una scusa ed è un gioco. Leggi Tutto ...

Il progetto del blog più alto del mondo

Il blog più alto del mondo. Questo è stato il record tentato a settembre 2008.

Aggiornare direttamente un blog da una montagna di ottomila metri.

Testi, foto, video, creati e pubblicati da quota 5.700 in sù, fino a tentare il fatidico '"Hello World" dagli 8.201 metri della cima del Cho Oyu, sesta montagna del pianeta terra lassù in Tibet.

Ma il record in fondo è stato una scusa ed è un gioco.

La scusa era quella di poter raccontare e condividere, giorno per giorno, un viaggio straordinario, una montagna bellissima, incontri imprevisti e i cieli infiniti.

Il gioco era quello di :

- aggiornare direttamente per un mese il blog più alto del mondo.
- creare il post più alto del mondo.
- fare la chiamata Skype più alta del mondo.
- portare twitter a 8.000 metri

Ogni gioco è una piccola sfida.

Quella del blog più alto del mondo è stata una sfida tecnologica ma anche umana e psicologica.

LA SFIDA TECNOLOGICA

Il blog è per molti uno strumento facile ed accessibile. Questo da casa o dall'ufficio. In viaggio diventa tutto più complicato. Se poi questo viaggio è tra le montagne più alte della terra, le cose di complicano ancora di più.

Computer: in montagna, sopra certe quote, ogni grammo pesa un mondo, inoltre le condizioni estreme (freddo e polvere) possono creare grossi problemi. Abbiamo scelto come compagno di viaggio l'EEEPC 901, messo a disposizione da Asus Italia . Scelta dettata dalla praticità, dalla leggerezza, dall'hard disk allo "stato solido" e dalla durata (notevole) delle batterie.

Alimentazione: tutta fornita dai pannelli solari. Niente generatori inquinanti.

Connessioni : il lato "doloroso" di stare tra montagne alte ottomila metri è che non si può fare a meno di una connessione satellitare.

Software: abbiamo utilizzato di norma software "open source" (proprietario solo quando proprio non possiamo farne a meno).

LA SFIDA UMANA E PSICOLOGICA

Vivere per un mese a più di 5.000 metri, in una tenda, in mezzo a rocce, neve e freddo era forse l'incognita più grande. L'aria si fa sottile e forse anche i pensieri.

ALLA FINE

Alla fine è andata bene. Abbiamo portato a casa la pelle e abbiamo aggiornato il sito da quota 6.200 metri, che è in effetti un record. Ma soprattutto è andata bene perchè siamo riusciti a condividere con voi tutto questo.

Grazie.